Tag: violenze

Uomini state calmi, le donne sono cambiate

In occasione dell’ 8 marzo la cronaca riscopre gli efferati delitti, in aumento, compiuti dagli uomini sulle mogli, amanti, fidanzate, amiche, sconosciute. Perché, mi chiedo come tante altre volte. Non ho una risposta soddisfacente, in quanto il problema è poliedrico. L’immagine femminile, disponibile, sensuale, sempre pronta a compiacere l’uomo, che troviamo nei media non esiste. E’ una proiezione della fantasia  stimolata da pubblicitari e sceneggiatori, alla ricerca della attenzione più spasmodica. Penso anche al GF , di cui ho notizia solo attraverso la pubblicità  qualche banner . Difficile comprendere che è una sceneggiata con tanto di autori, ma che ormai, da quello che so, sta diventando quasi hard. Moralista? Forse, ma se poi il ragazzo vede tanta disponibilità  fra sconosciuti per due ore, mi viene da pensare che la pretenda anche lui. I mariti gelosi non si ritrovano, mi sa, in quella specie di wonder woman che manda avanti la casa, lavora, e che ultimamente deve anche essere bellissima, curatissima, alla moda. Basti pensare alla Melenia bella sensuale, Uccisa dall’amorevole marito. E oltretutto lui ne aveva a barili di altre donne. Forse è proprio il contrasto fra la disponibilità di alcune e la riservatezza di altre che confonde l’uomo. E anche il fatto chele donne sono in grado di decidere da sole  se divorziare o separarsi. E l’uomo, con un atavico sentimento tribale, non accetta di essere messo da  parte, rifiutato. Ecco il fondo di tutto: il rifiuto delle donne al volere degli uomini. Aggiungo che è nata una nuova generazione di uomini che invece aiuta la compagna e rispetta le donne occupandosi della famiglia e dei figli con serietà.

Non facciamoci prendere dal panico

La Legge Reale no. Lasciamola dove sta. Perchè così, riproponendola, vincono i blac blok, se cambiamo le leggi sulla libertà personale. Più soldi alla polizia e strumenti moderni, benzina per le volanti e un numero maggiore di poliziotti equipaggiati in modo attuale, e la sicurezza è certa.  Altro che la Legge Reale, poi apriamo alla legge Rocco  e il cerchio si chiude.

Chi non ha vissuto  negli anni 70 non ha idea di quello che succedeva. La libertà va tenuta stretta e anzi, va tutelata, non ceduta all’ l’emozione del momento. La reazione alle violenze di sabato è già qui : smascherare gli incappucciati, raccontare al mondo chi sono coloro che si nascondono dietro un fazzoletto nero o una maschera e che dopo aver studiato in Grecia come si fa guerriglia sono arrivati in Italia, a Roma. Rimane comunque il vero e unico dubbio: perchè solo a Roma?

E aggiungo io far pagare i danni a coloro che hanno distrutto, o metterli ad aggiustare le strade, rimuovere la ferraglia  bruciacchiata  delle auto sotto gli occhi indignati delle vittime. Un sano bagno di reltà.