Categoria: Tecnologia

Nutella, occhiali, vestiti, oh quanti vestiti e noi in mutande!

La classifica dei Paperoni d’Italia , i dieci più ricchi mi ha sorpreso. Perché ti aspetti che sia ricco un banchiere, uno che traffica in oro,  e invece…Sono diventati ricchi con il nostro consumo superfluo. Tra Prada, Armani e Benetton ben tre producono, o meglio fanno produrre, abiti. Geox fa le scarpe che respirano, ma ti bagni i piedi!, gli occhiali per il più ricco, ecco qui servono , per vedere e costano una cifra. Sono alta tecnologia di solito, come i miei che con un paio vedi ovunque, altrimenti il mondo diventa sfumato. L’unico che al solito non si sa come li ha fatti è lui, il Berlusconi, non è dato sapere l’origine e lo sviluppo del suo patrimonio! Einfine , e qui , mi pare solo una comunicazione , la Nutella, il creatore della Nutella, crema  spalmabile che ha il sapore dell’infanzia e dei momenti consolatori. Nella Nutella tutti abbiamo investito denaro, da Nanni Moretti fino alla tata Lucia, che lo spot. Una volta il panino lo faceva la mamma, adesso lo fa la nanny, i tempi cambiano. E’ evidente che  ogni Paperone ha poi una infinità di altre attività per essere così riccho. Ricchi come tre milioni di italiani poveri. Considerando che le famiglie che godono di tanto benessere saranno composte in un centinaio di persone in tutto, vuol dire che ogni giorno ci sono 2.999.900 che fanno fatica a mettere insieme il pranzo con la cena e 100 che se la godono. Questa non è democrazia, ma capitalismo sfrenato o oligarchia. Non è che sono loro che spingono per calare i salari e mandare tutti  casa in modo da poter accumulare più denaro? Forse nonsono loro ma quelli che vorrebbero essere in questa lista e non sono inclusi. troppo poveri per questo standard!

 

http://www.unita.it/economia/i-piu-ricchi-d-italia-per-forbes-br-in-10-fanno-50-miliardi-1.397309#classifica

 

Gli amici se ne vanno, che inutile (?) serata

Fede è stato licenziato. Mica male per chi è stato definito fidodido a causa della fedeltà espressa al grande capo in ogni modo e con ogni distorsione possibile a livello di informazioni. Poi non era l’amico che procacciava ragazze per i festini? Ma alla fine ha contato maggiormente la cassa economica di Mediaset, che non è in buono stato. Basta notare che riempiono le serate con programmi solitamente usati nel pomeriggio. Ricerca di nuovi spettatori? Ma, tornando a fidodido sapere che è stato licenziato, come l’ultimo dei portieri e che non è riuscito a mettersi d’accordo mi provoca una sensazione di riequilibrio. Se penso a tutte le volte che , in nome della fedeltà al capo ha augurato licenziamenti ai giornalisti avversari , ritengo che ci sia una specie di catarsi . Destino?  Di certo la stessa sorte accaduta a Mik Bongiorno, dimenticato dalla dirigenza in un limbo senza informazioni. POi lo ha chiamato il capo ma la situazione è rimasta come prima. Sembra quasi che la dirigenza attuale voglia liberarsi di chi ha aiutato il capo a vincere  le elezioni. I soldi sono soldi e ora Mediaset ha bisogno di darsi una bella ripulita dopo le nefandezze passate. Vediamo : Costanzo, Iva Zanicchi, Mik Bongiorno, Fede…il prossimo?  Maria de Filippi o Barbara D’Urso O Rita Dalla Chiesa? Sono rimaste solo donne, mi sembra! Vedremo, intanto diciamo che non mi dispiace per niente che fidodido se ne sia andato!

Farmaci on line, non solo per adolescenti

Le farmacie on line mi sono sempre sembrate un escamotage da ragazzini per acquistare sostanze varie o attempati signori per energizzare le loro notti. Invece servono per fornire le farmacie delle cliniche. Sono rimasta basita leggendo questa notizia, pensando a quante sostanze strane mi hanno somministrato lo scorso anno e io ho accettato. Mi chiedo che sarebbe accaduto se anche quelle fossero state acquistate su eBay, dove io non compro nulla perchè temo le fregature! Che le sostanze che sono vendute on line siano farlocche lo sanno anche i bambini, quindi mi indigna l’idea che medici senza scrupoli si siano giocati la vita di una donna per risparmiare qualche migliaio di euro. La vita delle persone non vale veramente nulla, pensando alla Clinica S.Rita di Milano dove operavano anche chi non non aveva bisogno, o in un altro ospedale, dove sperimentarono, di nascosto ai pazienti valvole mitraliche di maiale, con inevitabile rigetto. Tutto per denaro, alla faccia del giuramento dei medici. Mi rendo conto che alla fine coloro che prospettano una cura alternativa forse non hanno tutti i torti , o come diceva mia madre : quando entri in ospedale, sai come entri, ma non sai come esci. O se esci. Spero che quei medici siano messi in galera, a riflettere sul valore della vita e della libertà. Quanto a me è andata bene, anche se sto smaltendo ancora qualche cosina.

Paperelle disperse nell’Oceano

Sono piccole e gialle, giocattoli per bambini, che galleggiano: le paperelle gialle. Mi chiedevo tempo fa a che servivano, e scopro con stupore che sono giocattoli sparsi in tutto gli oceani del mondo. Un problema così importante che è seguito da scienziati, che in questo modo studiano il corso delle correnti marine. Dal 1991 galleggiano libere e riconoscibili, inquinanti, indistruttibili. Durano cento anni.

Quanti oggetti abbiamo in casa che si distruggono in cento anni o più?  Avverto un senso di impotenza se penso che loro durano più di me e si ammassano inesorabilmente in casa e alla fine nelle discariche. Di solito il discorso del recupero e dell’utilizzo di prodotti biodegradabili è astratto, razionale, da professori. Visto dalla parte di una semplice, simpaticissima, coloratissima e allegra paperella diventa quasi cannibalesco. La plastica ci mangia l’ambiente piano piano, in modo silente, fino a che qualche giornalista non pubblica un articolo o un libro.  Speriamo che l’invenzione di plastiche biodegradabili risolva la situazione. In ogni caso, se trovate una paperella dell’Oceano rimandatela al produttore: vale cento dollari.

Articolo sulla Stampa

Cartina con gli spostamenti delle paperelle dal blog ALFATOWN: papere in viaggio

papere-in-viaggio.html

Home ovvero parliamo della nostra Terra

Ho ricevuto il link del film Home. Non ci  sono attori, ma splendide scenografie e la storia racconta di una grande ricchezza che viene  velocemente sperperata, fino a quando, il protagonista principale non morirà. La storia dell’uomo e del suo rapporto con la Terra.

State zitti, per favore.

Sintesi delle parole dette, ma che avrebbero meritato il silenzio:

Schettino, capitano della nave Costa Concordia: “La nave si inclinava , sono sceso“. Non ci è dato sapere il suo pensiero sui passeggeri che avrebbe dovuto salvare.

Martone, sottosegretario:” Laurea dopo i 28 anni? E’ da sfigati” Velocizzare i corsi di studio?Togliere qualche barone?

Beppe Grillo, il paladino degli antipolitici:” No alla cittadinanza dei figli degli stranieri nati in Italia” E allora perché li integriamo?

Fondo Monetario Internazionale: “L’Italia non può farcela da sola” Non vedono l’ora di mettere le mani sulla nostra economia, allora non va così male!

Giovanni Fava della Lega: “Presentato un emendamento che ( in sintesi)che consente a qualsiasi soggetto interessato di richiedere la rimozione dei contenuti in Rete” La censura si infila in ogni buco, bisogna stare attenti. Forse la Lega ha problemi con i suoi elettori, visto che li censura sulla Padania o a Radio Padania e loro si sfogano sui blog o nei network?

Emilio Fede:” Fra un anno smetto con il tv e mi candido” No, grazie. Si compri una villa ad Antigua, che il suo amico Berlusconi gli fa lo sconto di sicuro e si vada a godere i tramonti !

Buona giornata.

Neve chimica o nebbia raffreddata : sempre inquinamento è

L’altra mattina mi sono dovuta recare in città quasi all’alba, dalle mie parti nebbia fitta, che stava lentamente diradandosi. Un paio di chilometri dopo tutto era coperto di bianco, cadevano dei fiocchi di neve,  e dopo ancora il sole. Una descrizione metereologica di tutto quello che c’è in inverno. Poi in città il sole era proprio invitante, anche se era freddissimo.  Mi sembrava un gioco, l’incantesimo di Luca Mercalli, perché al ritorno era uguale, la neve ovunque per un paio di chilometri. Va bene che ci siano precipitazioni a macchia di leopardo, ma era proprio strano. Oggi ho scoperto l’arcano: é neve “Chimica” o nebbia condensata, prodotta dall’incontro di aria calda e fredda più sostanze chimiche presenti per l’inquinamento.

Mi chiedo : se la neve chimica evapora con l’arrivo del sole e l’aria più in alto è piena di smog, noi come respiriamo? La Pianura Padana è un catino pieno di industrie, di smog,  di piombo, e di  altre sostanze chimiche pesanti. Va da se che le malattie respiratorie sono in aumento, poi anche le malattie tumorali sono in aumento. E allora ci si aspetterebbe che alle proposte di girare meno in macchina, abbassare il riscaldamento in casa e negli uffici, cercare di inquinare meno ognuno nel suo possibile venissero accettate con attenzione. Ma invece si vendono molti suv ( a cosa servono in città non lo so) e l’inquinamento nelle industrie non diminuisce, in casa si sta al caldissimo e l’inquinamento non diminuisce!

Volevo fare delle foto al paesaggio da favola, come quello della galaverna, ma queste notizie mi hanno tolto molta poesia. Peccato! Articolo

Nuovi blogs nella mia blogosfera

Lascio  per un giorno il capitano della nave a pensare, i tassisti a litigare, il governo a decidere cosa altro tagliare  e il mondo  a ruzzolare come sempre. Oggi mi sento più romantica, sensibile e felice. A volte capita anche a me, per fortuna! Segnalo alcuni blog nuovi pr me, nel senso che non li ho quasi mai visitati, ma mi hanno colpito.

 

Cartadiresche  canzoni, poesie e immagini che suscitano emozioni

Post-Azione mobile valutazionii divese sul capitano Schettino

Puntolineasuperficie lo conosco ma a lo frequento poco

Lineeinfinite  Casa Editrice

una amica che ha fatto trasloco da Splinder a WordPress

Rossiorizzontidue  letteratura, racconti, poesie e altro

E per chiudere ancora emozioni

Il mare di Toscana

Il mare della Maremma è bellissimo, e nei giorni di cielo limpido si vede l’isola del Giglio in lontanaza. Ho sempre sperato di andarci, anche se poi dipende solo dalla mia pigrizia. Quando sono in vacanza non amo svegliarmi presto alla mattina! Non so come sarà il mare di Toscana la prossima estate, ( speriamo non inquinato dal petrolio della nave da crociera che si sta inabissando) ma sempre al centro dei pensieri di tutti resterà quell’enorme relitto, un palazzo di ferro, legno e plastica, arenato troppo vicino all’isola del Giglio. Il perché non si sa, anche se tra le varie ipotesi quella di una scommessa mi sembra la più accreditata. Ma l’idea che ogni giorno questi enormi casermoni galleggianti nevighino dentro i nostri mari guidati da giovanotti troppo disinvolti è ansiogena. Già a Venezia ci sono state lamentele per il saluto che le altre navi da crociera mandano troppo vicini alla città. Troppo grandi, troppo costose, troppo complesse per essere affidate a un pugno di uomini che al massimo hanno avuto dei problemi in moscone. Forse no, ma li manderei un anno intero su una nave  a vela  per verificare come comportarsi senza la tecnologia, i satelliti e tutto quello che è meraviglioso  usato in casa ma sorprendente usato altrove. Si pensi al navigatore satellitare che ne combina di tutti i colori, facendo litigare famiglie intere, perchè lui dice di andare a destra ma tutti sanno che a destra c’è un canale, per dire.

Dopo questo episodio tragico ci saranno cinquemila persone che non dormono la notte per molto tempo e una, il capitano,  che non riuscirà più a vivere, per una stupida gara, scommessa o altro.