Le parole non valgono niente, ma non è vero. I fatti di Torino

I fatti di Torino andrebbero spiegati da un sociologo o da un antropologo. A sedici anni dire bugie credo sia molto normale, ma dire una bugia razzista e accusatrice, capace di smuovere una folla di persone  e di trasformarle in incendiari e nazisti, no. Quanto era consapevole la ragazza di quello che stava dicendo, di colpire i reietti della società, i nemici che l’avrebbero resa vittima di una violenza, per altro mai accaduta? E quanto desiderio di sterminio c’era nella reazione della gente nel distruggere il campo Rom con il desiderio  farli scomparire attraverso il fuoco, che non lascia possibilità di fuga?

E come saranno i genitori di una ragazza che deve inventarsi una bugia sterminante, per giustificare un rapporto , il suo primo che avrebbe dovuto essere indimenticabile ( lo sarà per sempre) e gioioso, (non lo sarà mai più)? In questa epoca di sesso sbattuto ovunque, di rapporti raccontati in ogni trasmissione, avete mai visto Centovetrine alle ore 14, in ogni puntata c’è un letto disfatto e due che ci sudano dentro? Il GF sta rasentando il porno per i vari episodi ecc. Ebbene nell’epoca del bunga bunga c’è ancora chi punirebbe la figlia per avere avuto il primo rapporto con il suo fidanzatino. Ci sta. In ogni famiglia ci sono delle regole. Ma che il timore della punizione arrivi a far dire una tale bugia  fino a  suscitare una tale reazione non lo immaginava nessuno. Addio piccola ragazzina bugiarda e spaventata. Al tuo posto ora c’è una giovane donna spaventata e consapevole del valore delle parole e degli atti.

Annunci

One thought on “Le parole non valgono niente, ma non è vero. I fatti di Torino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...