1952

Sono afona, la manovra mi ha regalato sei anni di lavoro in più.

Sto cercando di interiorizzare  ciò che significa come trasformazione nei miei progetti futuri, visto che già dall’anno prossimo potevo andare in pensione. Abbiano pazienza coloro che non avranno mai la pensione, ma qui hanno cambiato il programma in corso d’opera. Blindati per altri sei anni. Devo ringraziare che un lavoro ce l’ho? Verissimo. Un lavoro che come capo ha avuto la Gelmini e questo da solo basta a ridimensionarlo. Pagheremo solo noi, come sempre, diventeremo più poveri e non sarà uno scherzo. Forse allora devo abituarmi a essere contenta  degli anni in più di lavoro. Una sola domanda: chi desidera che i propri figli abbiamo come insegnante una sessantenne acciaccata? Io no!

Annunci

3 thoughts on “1952

  1. In questi giorni nel mio ufficio è stata una processione di pensionandi o quasi tali in cerca di risposte e di certezze. Purtroppo le cose non andranno diversamente.

    Buon sabato!

  2. Invidiato (?) lavoro direttivo.

    Lauto stipendio per pochi anni, tipicamente tra i 30 e i 50, dopo duro studio e in cambio di lavoro duro.

    Poi di tutto fino ad estrometterti e lasciare il tuo posto a giovani “più duttili”.

    E governo e legislazione fingono che tu abbia un lavoro (e un reddito) fino ad una pensione che vedrai (forse) a 70 anni e dimezzata rispetto alle aspettative.

    Non accade solo a me.

    Riesco tuttavia a non essere invidioso di quel mio amico, vent’anni più anziano di me che alla mia età, atleta in strepitosa forma, andò in pensione con il 90% dell’ultimo stipendio; in un “Kingdom by the sea” dove gli stipendi erano sicuri e crescevano per tutta la vita e i pomi d’oro nascevano sugli aranci. Aveva iniziato a lavorare a 19 anni (un lavoro regolare con i contributi), e aveva sempre avuto un lavoro. A quell’età io ho studiato all’università, che non era proprio una sine cura.

    Ora la gente lavora senza continuità e senza contributi. Ma non per questo facciamo male a lamentare danno e beffa subiti da chi i contributi li ha versati con regole cambiate a posteriori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...